Ansia, Fobie, Panico

La paura è un’emozione molto importante per l’essere umano. La sopravvivenza dipende dall’imparare a evitare o fuggire le situazioni che possono essere dannose o nel reagire di fronte a situazioni che possono causare dolore. Quando l’insieme di queste reazioni si mantiene per un tempo più prolungato dell’immediata risposta allo stimolo è definito ansia. Pertanto l’ansia non è una reazione patologica, ma la  neutrale risposta di attivazione di un soggetto ad una sensazione di minaccia.Gli aiuti psicologici si rendono necessari, quando la naturale risposta di attivazione diviene incontrollata. Le statistiche dimostrano che la Terapia Breve Strategica nel trattamento degli attacchi di panico ha un’efficacia superiore al 95% (clicca qui per i dati).

Il Modello Breve Strategico ha evidenziato 3 diversi meccanismi alla base della formazione e del mantenimento della paura patologica:

  1. Tentato controllo

  2. La soluzione dell'evitamento

  3. La soluzione della richiesta di aiuto

Quando tale sistema si è ripetuto a lungo nel tempo, diviene una normale organizzazione psichica e comportamentale che si mantiene e autoalimenta nel tempo. Grazie alle tecniche della terapia breve strategica si ottengono i primi risultati già dopo la prima seduta e una risoluzione del problema in 7-8 sedute

La fobia sociale

Semplicemente anche ansia sociale, è un disturbo che si caratterizza da una paura molto intensa che riguarda situazioni sociale ben definite (la più comune, per esempio, è largamente definita, la paura di parlare in pubblico) in cui l’individuo è esposto al possibile “esame degli altri”. Molto spesso possono essere espressi con immobilizzazione(freezing) e ritiro(shrinking).

Il disturbo di ansia generalizzato (DAG)

Questo disturbo si presenta con Ansia e preoccupazione eccessive, relative a una quantità di eventi o di attività in cui l’individuo non riesce a controllare la preoccupazione. I sintomi più comuni associati a questo disturbo sono:

  • Irrequietezza

  • Facile affaticamento

  • Difficolta a concentrarsi e vuoti di memoria

  • Tensione muscolare

  • Alterazioni del sonno.

Gli attacchi di panico 

Il panico viene considerato una forma di paura estrema e fuori controllo. Un attacco di panico consiste nella comparsa improvvisa di paura o disagio intensi che raggiunge il picco in pochi minuti, in cui si verificano i seguenti sintomi:

  • Palpitazioni, cardiopalmo o tachicardia.

  • Sudorazione.

  • Tremori

  • Sensazione di soffocamento e/o asfissia

  • Dolore al petto

  • Paura di perdere il controllo o di morire.

​Il disturbo da stress post traumatico (PTSD)

Si presenta in genere dopo uno o più eventi particolarmente traumatici o percepiti come tali, come per esempio un’esposizione a minaccia o realtà di morte, gravi lesioni o violenza sessuali. La caratteristica principale è lo sviluppo di una serie di sintomi ansiosi e/o depressivi collegati alla paura, all’ansia e all’evitamento. Si possono osservare anche un calo dell’umore o anedonia (incapacità di provare piacere). Si possono distinguere alcune tipologie di sintomi:

  • Sintomi intrusivi.

  • Strategie di evitamento.

  • Alterazioni dell’umore e dei pensieri.

  • Aumento dello stato di attivazione psicomotoria.

​Le fobie specifiche o “Monofobie”

Quando la paura o un’ansia marcata si verificano verso un oggetto o una situazione specifica che attraverso l’utilizzo di comportamenti tesi all’ evitamento o alla sopportazione con ansia o paura sono sproporzionati rispetto al reale pericolo o alla situazione specifica o al contesto socioculturale. (Le situazioni più ricorrenti posso riferirsi ad animali, armi, ascensori, aerei, macchine, l’esposizione in pubblico, l’arrossire, sangue-infezioni-ferite, etc.)